La struttura dei debiti pubblici Europei

Eurostat

La mappatura dei debiti pubblici dell’area puo` essere fatta per definizione geografica del detentore (domestico e non rispetto al paese emittente), definizione settoriale (finanziario e non finaziarioa, all’ interno del non finanziario la distinzione prosegue tra azienda, fondazione e privato), definizione per durate (ad esempio che percentuale di debito pubblico scade antro i prossimi 24 mesi per ogni paese).

Classificando i debiti pubblici Europei secondo definizioni di questo tipo emerge che nel 2016:

          I paesi con la maggiore quota di debito detenuto da non residenti sono Cipro (79%), Latvia (71%), Finlandia (70%) e Lituania (69%);

          I paesi dove la percentuale di debito detenuto da operatori finanziari nazionali e` piu` alta sono Danimarca (67%), Svezia (64%), Lussemburgo (63%), Croazia, Italia e Malta (62% ognuno);

          Meno del 10% del debito pubblico in Europa e` detenuto da operatori residenti e non finanziari (tutti inclusi), con le sole eccezioni date da Malta (28%), Ungheria (18%), Irlanda e Portogallo (entrambi all’11%);

          Guardando alla quota di debito con scadenza entro l’anno, la concentrazione di debito in questo caso e` massima per la Svezia (22% del debito totale), Ungheria (19%) e Portogallo (17%). Italia (13%), Danimarca (11%), Olanda e Francia (entrambi al 10%) anche mostrano una esposizione al debito a breve termine superiore al 10% totale;

           Sempre guardando alla scadenza del debito, questa volta pero` in modo opposto (quindi lungo termine), Bulgaria, Polonia, Repubblica Ceca e Lituania mostrano una struttura del debito quasi esclusivamente composta di scadenze lunghe;

          I paesi che si finanziano con strumenti diversi dai titoli obbligazionari (preferiti dalla maggior parte degli emittenti sovrani Europei) sono Estonia, Greciaq e Cipro per i quali la forma del prestito diretto e` prevalente. Anche Lussemburgo, Portogallo e Croazia fanno rilevante uso di prestiti diretti;

          I paesi che utilizzano l’indebitamento in forma di valuta e depositi (normalmente strumenti non significativi) sono Irlanda (11%), Regno Unito (10%), Portogallo (9%) e Italia (8%).

Perche` leggere la struttura di indebitamento dei singoli stati? L’infornmazione ci aiuta ad individuare gli emittenti meno stabili e distinguerli da quelli piu` solidi, i dati possono rovesciare false convinzioni e aiutare il risparmiatore ad evitare amare sorprese. Il risparmiatore che rilegge ed interpreta questi semplici dati (disponibili a costo nullo a chiunque), valutandoli si puo` trovare nella stessa posizione di “vantaggio informativo” goduta dai grandi hedge funds che la mitologia popolare vede come responsabili di incomprensibili squassi sui mercati finanziari globali.

Poche, semplici domande (non tutte, la fantasia e` sempre infinita):

          E` piu` stabile la finanza pubblica di un paese che riesce a ritrovare internamente le risorse finanziarie per sostenere il suo debito o uno che necessita del sostegno non estero?

          L’importante presenza di debito pubblico locale sul bilancio dell’operatore finanziario locale aumenta o diminuisce il circolo vizioso che lega la stabilita` del sistema finanziario nazionale al debito pubblico locale?

          Chi e` maggiormente esposto ad un rialzo dei tassi tra il debitore con alta percentuale di titoli di debito a breve scadenza e il debitore con debito prevalentemente a lunga scadenza?

          Finanziarsi con strumenti non obbligazionari indica qualcosa: difficolta` di accesso ai mercati? Differenze di costo relativo tra le opzioni, quali i motivi?

 

Come anticipato, le domande proposte non sono tutte, molte altre aggiungono valore alle scelte di investimento che si fanno quotidianamente. Il pregio di queste domande non sta nelle risposte rinvenibili leggendo semplicemente la tabella fornita da Eurostat, las loro importanza risiede soprattutto nel metodo che indicano, nella smitizzazione dell’ operatore con vantaggio conoscitivo, le informazioni che rispondono alle domande piu` utili sono sempre gratuitamente e pubblicamente disponibili, l’ unica, vera difficolta` rimane sempre la stessa: bisogna sapere individuare le domande per evidenziare dati e risposte utili (ma questa e` una capacita` che dipende solo da noi).

EurostatStruttDebitoTabella (scaricabile al link indicato)

http://ec.europa.eu/eurostat/documents/2995521/8068939/2-20062017-AP-EN.pdf/dcff0b1e-7ca6-47b5-8019-892b4ab3d449

Advertisements

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s